APPROFITTA DELLA SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA

Frittelle (o pettole) pugliesi: qual è la ricetta originale

Con l’avvicinarsi di dicembre le tavole pugliesi danno ufficialmente il via al Natale, anche in tavola. Tra le tante bontà preparate in occasione delle festività dell’ultimo mese dell’anno, una particolarmente gustosa è quella delle frittelle.

Conosciute anche come pettole, popizze e chi più ne ha più ne metta, le frittelle sono palline di pasta lievitata che vengono fritte in abbondante olio extravergine di oliva (o di semi) e che possono essere gustate vuote o con gli impasti che più si gradiscono. Simili al panzerotto pugliese, le frittelle sono realizzate da pochi ingredienti il cui impasto, se realizzato a dovere, si trasformerà in una succulenta occasione per mangiarne una dopo l’altra.

Di seguito gli ingredienti per 100 g:

  • 500 g di farina tipo “0”
  • 7 g di lievito di birra fresco
  • 350 ml di acqua tiepida
  • 2 cucchiaini di sale
  • Olio extravergine di oliva D’Addato q.b.

Preparazione delle frittelle salate

Iniziate setacciando la farina all’interno di una ciotola dalle grandi dimensioni, con le mani o con un cucchiaio di legno create uno spazio al centro e inseriteci il lievito, due cucchiai di acqua e iniziate a mescolare. Man mano che l’impasto si asciuga inserite gradatamente l’acqua, continuando sempre ad amalgamare il tutto. Non appena avrete mischiato con tutta l’acqua, aggiungete il sale e iniziate a impastare con energia fino ad ottenere un composto liscio e morbido. Generalmente per ottenere questo risultato dovrete aspettare tra i 10 e i 15 minuti.

A questo punto lasciate lievitare l’impasto in un luogo caldo per qualche ora o fin quando l’impasto non sarà raddoppiato coprendo lo stesso con un asciugamano, una coperta o un canovaccio.

Terminato il tempo di lievitazione, prendete l’impasto e tagliatelo in pezzi di pochi centimetri o a seconda della dimensione che vorrete dare alle frittelle. Mettete la pallina sul tagliere infarinato, stendete con le dita e datele una forma tonda. Se avete deciso di riempire le frittelle con un ripieno inserite ora con un cucchiaio il vostro condimento e chiudete i bordi assicurandovi che siano ben sigillati.

Prendete una padella, riempitela di olio extravergine di oliva (sebbene alcuni utilizzino quello ai semi di girasole, l’olio EVO garantisce una maggiore croccantezza) e, non appena quest’ultimo diventa bollente, immergete le frittelle una ad una e lasciatela cuocere fino alla doratura desiderata. Eliminate l’olio in abbondanza con una carta assorbente e buon appetito!

Ti potrebbe interessare